I ritardanti di fiamma sono sostanze chimiche utilizzate per rallentare la propagazione del fuoco in applicazioni di diverso tipo, tra cui quelle tessili.

I tessuti bruciano facilmente proprio per le materie prime che li costituiscono e questo rappresenta un temuto fattore di rischio nell’ambito della prevenzione antincendio.

Per questo negli ultimi anni si stanno concentrando gli sforzi nella creazione di tessuti capaci di impedire l’accensione o almeno rallentare la propagazione del fuoco.

Le fibre ignifughe ormai sono presenti sul mercato da decenni e hanno dato un importante contribuito nel ridurre il numero di vittime da incendio.

I tessuti, per diventare ignifughi, possono necessitare di diversi gradi di finitura: a seconda del settore di applicazione e dell’utilizzo andranno perciò studiati e formulati in modo da garantire la miglior sicurezza.

I tessuti che resistono al fuoco non sono infatti tutti uguali.

Una distinzione immediata è quella per settore, a seconda se devono essere utilizzati per abbigliamento, a scopi decorativi o per applicazioni industriali.

I tessuti ignifughi poi possono venir prodotti in due modi:

  1. Utilizzando fibre che non bruciano;
  2. Trattando chimicamente le fibre tradizionali per produrre l’effetto desiderato.

La seconda soluzione oggi è largamente sfruttata, dal momento che le fibre tradizionali sono ampiamente disponibili in categorie non costose.

 

Tessuti trattati con i ritardanti di fiamma: cosa aspettarci dal futuro?

Negli ultimi anni questo segmento produttivo ha assunto grande rilievo, tenendo conto della maggior sensibilità da parte dei consumatori, dell’avanzare del progresso chimico e tecnologico e dell’attenzione crescente da parte dei Governi nei confronti delle normative sviluppate per ridurre i rischi di incendio.

Al centro del tema vi è quindi la sicurezza e il miglioramento della qualità della vita, che sta portando le industrie produttrici alla ricerca di caratteristiche antifiamma ben diverse dalle peculiarità estetiche e tattili richieste in ambito della moda tradizionale.

Il mercato tessile antifiamma è così in espansione, di pari passo con le scelte dei consumatori.

Da una parte c’è la consapevolezza del mercato del bisogno di adottare nuove e maggiori misure di sicurezza antincendio, dall’altra c’è la tendenza a preferire prodotti a base di fibre sintetiche, che vanno perciò infuse o protette con appositi ritardanti di fiamma.

La richiesta di tessuti capaci di resistere alle fiamme è oggi importante nel settore dell’automotive, anche se grande protagonista del mercato rimane il tessile per la casa. Tende, tappeti, tessuti decorativi, rivestimenti per divani, poltrone, ecc. sono tutti prodotti a rischio incendio che devono pertanto essere trattati adeguatamente al fine di aumentare la resistenza alle fiamme e quindi la sicurezza.

Ma il problema per i produttori tessili oggi non è solo quello di scegliere un ritardante di fiamma efficace, bensì anche privo di effetti tossici.

Con i tessuti, infatti, le persone vengono continuamente a contatto: non solo se impiegati per abiti che vanno indossati, ma anche se presenti nell’arredo delle case, negli ambienti di lavoro o come rivestimenti interni nelle automobili.

È allora di estrema importanza che i produttori inizino ad orientarsi verso una soluzione ecologica, atossica e funzionale, capace di ritardare la combustione dei prodotti nel settore tessile, ma al tempo stesso di tutelare la salute delle persone che li utilizzano tutti i giorni.

 

Nuove capacità del tuo prodotto possono aprire le porte ad un più ampio mercato

Se ti occupi di produzione tessile, prova a immaginare quanti nuovi business puoi intraprendere con un ritardante di fiamma sostenibile e atossico.

I minerali industriali come l’idrossido di alluminio (ATH) possono essere utilizzati nel settore tessile per agire in caso di incendio come ritardanti di fiamma e soppressori di fumo. In questo modo i composti resistono più a lungo alla combustione e non emettono gas tossici.

ALFRIMAL® è una linea completa di ritardanti di fiamma a base di idrossido di alluminio, adatta a una vasta gamma di prodotti dell’industria tessile. La distribuzione granulometrica è ottimizzata per l’applicazione in tutti i tipi di leganti organici. Anche le proprietà meccaniche e della superficie dei composti vengono migliorate dai prodotti ALFRIMAL®.

ALFRIMAL® si caratterizza per la sua azione ritardante di fiamma in 3 step:

  1. La reazione di ALFRIMAL® è endotermica e funziona raffreddando la fonte del fuoco.
  2. L’acqua generata dal prodotto ostacola l’ossigeno nell’aria per ottenere l’accesso ai gas infiammabili creati dalla pirolisi.
  3. L’ossido di alluminio rimane come uno strato protettivo inerte sulla superficie del materiale solido.

L’ALFRIMAL® Analysis è un sistema di valutazione che ti permette di effettuare un confronto tecnico con il supporto del team di ALFRIMAL®, per valutare in tempo reale come questa soluzione possa rendere il tuo prodotto ancora più sicuro.

I prodotti ALFRIMAL® sono disponibili su richiesta per la produzione di una specifica formulazione, o in combinazione con altri tipi di ritardanti di fiamma.

Richiedi subito la tua ALFRIMAL® Analysis!

Voglio parlare con un tecnico ALFRIMAL®

 

Oswald Zimmerhofer
Direttore generale

 

 

 

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter

Manteniamo i tuoi dati privati e li condividiamo solo con terze parti necessarie per l'erogazione dei servizi.

Abbiamo ricevuto la tua richiesta di iscrizione!